L’ARROGANZA NON HA FINE. BLOCCHIAMO IL TAV OGGI, SEMPRE.

Scritto da admin on . Postato in CANTIERI, NEWS

20150320_terzovalicoChi vuole sapere cosa sia l’Alta Velocità in Italia e a Genova oggi non deve più necessariamente affidarsi alle analisi e denunce che i Notav esprimono da anni ma può, molto più semplicemente, leggere la cronaca dei giornali di questi giorni (e la realtà come al solito ha superato l’immaginazione).

Tangenti di miliardi, infiltrazioni mafiose e ministri arrestati per l’intero sistema italiano dell’Alta Velocità (e più in generale delle Grandi opere). Tradotto sul fronte ligure-piemontese del Terzo Valico: mazzette e tangenti di vario genere ed entità; cemento consapevolmente riversato nei fiumi (alla Castagnola); operai feriti gravemente nei cantieri (a Campomorone e Isoverde almeno tre volte in poche settimane); altri operai e ditte non pagati da mesi da Cociv, con conseguente chiusura di cantieri in basso Piemonte; lavoro sul territorio non indotto ma al contrario derubato (decine di migliaia di euro di debiti contratti da Cociv nelle trattorie e nei bar vicini ai cantieri); addirittura un prete suicidato nel porto di Livorno la cui scheda sim da morto è stata utilizzata da architetti del Terzo Valico per i loro loschi affari. Un disegno inquietante, torbido e vomitevole di ciò che rappresenta il TAV e il sistema che lo genera.

L’eccidio di Rocca dei Corvi

Scritto da admin on . Postato in CANTIERI, INIZIATIVE, NEWS

Sabato 21 Marzo, alle ore 09:30, si terrà la commemorazione dell’eccidio di Rocca dei Corvi a Ge-Fegino. Publicammo questo articolo per la prima volta nel marzo del 2012 denunciando la minaccia che il cantiere “Fegino” avrebbe comportato per il cippo dei caduti. Putroppo avevamo visto giusto, infatti il cippo si trova nel bel mezzo del cantiere, ed ancora adesso non si sa che fine farà…

Nella valletta della Rocca dei Corvi, a Genova-Fegino, c’è un cippo che ricorda uno dei più efferati episodi della violenza nazifascista perpetrati in Valpolcevera ai danni dei partigiani durante la lotta di Liberazione. Questo posto è destinato ad ospitare il cantiere di servizio C.S.L. 1 Fegino, funzionale ai lavori del III valico ferroviario, linea ad alta velocità Genova- Milano.

I cantieri operativi contengono gli impianti ed i depositi di materiali necessari per assicurare lo svolgimento delle attività di costruzione delle opere. Tali cantieri sono ubicati a seconda dei casi in corrispondenza dell’imbocco delle gallerie di linea o delle finestre e in vicinanza delle opere d’arte di maggiore impegno da realizzare, questo sostanzialmente significa che quel cippo finirà sommerso dai detriti, oppure spostato altrove, ma mai tutto sarà più come prima.

TRA TANGENTI E MAZZETTE COCIV SMALTISCE UNA DISCARICA ABUSIVA A CAMPOMORONE

Scritto da admin on . Postato in CANTIERI, NEWS

Scavando (qualunque sia il motivo per cui lo si fa) capita di imbattersi in cose che il tempo aveva ormai sepolto agli occhi e alla memoria della gente. Succede quasi sempre di riportare alla luce reperti archeologici più o meno importanti con grande dispiacere di committenti ed esecutori che si vedono rallentare i lavori. In Valverde NO. Non sono reperti archeologici ad essere riportati alla luce, bensì un’antica discarica abusiva e in questo caso i lavori subiscono un’accelerata anziché fermarsi. Da qualche settimana grossi camion della Ditta “Gualdi Alessio”, già indagata per truffa a danni dello Stato leggi qui maxifrode sui rifiuti (e non si capisce come possano continuare ad ottenere appalti pubblici) stanno operando nel cantiere del Maglietto portando via il materiale di quella “archeodiscarica” (terra contaminata da detriti di edilizia quali plastica, metalli vari, copertoni di auto e camion), stanno bonificando, direbbe qualcuno, conferendo il tutto a Novi Ligure in quanto Scarpino non disponibile. Quel che sappiamo è che Cociv ha a suo tempo informato il Comune di Campomorone della comparsa di quella discarica per evitare di essere accusati, immaginiamo.

Sabotati due veicoli del cantiere di Voltaggio

Scritto da noterzovalico on . Postato in CANTIERI, INIZIATIVE, NEWS

noterzovalico18 marzo 2015

Apprendiamo da alcuni siti di movimento che in una delle scorsi notti sono stati sabotati due mezzi pesanti nel cantiere di Voltaggio di una delle finestre “esplorative” del Tav-Terzo Valico, installato a fianco del torrente Lemme in una bella valle ampiamente devastata dai lavori dell’alta velocità ferroviaria, che riguardano, oltre il cantiere colpito, anche numerosi allargamenti stradali, campo base e cava di smarino. avanti no tav!

Questo il messaggio diffuso in rete e che ripubblichiamo

“SABOTATI MEZZI PER IL TERZO VALICO – E’ una serata tranquilla, niente vento, poche macchine, ma all’improvviso qualcosa, un lampo… un fulmine nel cielo sereno di Voltaggio cade dritto su 2 mezzi caterpillar x la costruzione del terzo valico. Un escavatore e un compattatore x asfalto sono messi fuori uso. Il fulmine è sparito così come è apparso, ma è certo che con l’aria che tira ne rivedremo degli altri. Il terzo valico è lungo, ma voi devastatori lo troverete ancora più lungo. Un pensiero a Baleno, Sole e Guccio, i loro nomi vivono nella lotta contro il Tav”

SOSTIENI LA LOTTA!

I NOSTRI…