REPORT DAI CANTIERI DELLA VALVERDE (video)

Scritto da admin on . Postato in DOCUMENTI, NEWS, PROGETTI, STUDIO

cravasco-300x194MAGLIETTO- da alcune settimane dalle 7 di mattina alle 8 di sera le ruspe stanno preparando il terreno per il campo base. La collina è stata completamente ribaltata. Lo scempio, ti fa venire un nodo allo stomaco, ed è ben visibile anche dalla strada provinciale che porta a Isoverde. Il cantiere, se non per un breve tratto sul campo sportivo, è privo di reti compreso il lato che da direttamente sulla strada della Montagnola, in palese violazione ad ogni norma basilare sui cantieri. Il Sindaco evidentemente quando torna a casa la sera guarda dall’altro lato. Giancarlo Campora, ora Assessore al Terzo Valico, non pervenuto, la

Appalti del Terzo Valico a gli amici del PD

Scritto da valpolcevera on . Postato in DOCUMENTI, NEWS, STUDIO

Novi – da notavterzovalico.info

Chi l’avrebbe mai detto?

Nel cantiere recentemente aperto a pochi metri dalla millenaria Pieve, simbolo di Novi Ligure, lavora una ditta bolognese: CLF, Costruzione Linee Ferroviarie, posseduta dal colosso cooperativo delle costruzioni Unieco. Tanto per capirci, le famose cooperative emiliane “amiche” del PD.

La Unieco, come molte altre coop emiliane, ha subito forti perdite (leggasi: è stata spolpata) ed è stata ammessa al concordato preventivo, quella procedura che ti permette di continuare a lavorare congelando i debiti, ovvero costringendo a fallire le piccole imprese che dopo aver lavorato in subappalto vantano crediti e non hanno amici banchieri.

Condannati gli uomini del Cociv per reati ambientali

Scritto da valpolcevera on . Postato in DOCUMENTI, NEWS

da notavterzovalico – E’ di Venerdì la notizia circa la condanna dei vertici del Consorzio Cavet, controllato da Impregilo, per danni ambientali connessi alla realizzazione del Tav del Mugello fra Bologna e Firenze. Considerato che anche il Cociv impegnato nella costruzione del Terzo Valico è controllato da Impregilo, abbiamo fatto la visura camerale storica del consorzio per verificare se fra gli uomini condannati dalla Corte d’Appello di Firenze a quattro anni e mezzo per traffico illecito di rifiuti e a due anni e mezzo per omessa bonifica vi fossero anche persone impegnate all’interno del Cociv.

Abbiamo quindi scoperto tre cosette interessanti:

Error: Only up to 6 modules are supported in this layout. If you need more add your own layout.

SOSTIENI LA LOTTA!

I NOSTRI…