TRA TANGENTI E MAZZETTE COCIV SMALTISCE UNA DISCARICA ABUSIVA A CAMPOMORONE

Scritto da admin on . Postato in CANTIERI, NEWS

Scavando (qualunque sia il motivo per cui lo si fa) capita di imbattersi in cose che il tempo aveva ormai sepolto agli occhi e alla memoria della gente. Succede quasi sempre di riportare alla luce reperti archeologici più o meno importanti con grande dispiacere di committenti ed esecutori che si vedono rallentare i lavori. In Valverde NO. Non sono reperti archeologici ad essere riportati alla luce, bensì un’antica discarica abusiva e in questo caso i lavori subiscono un’accelerata anziché fermarsi. Da qualche settimana grossi camion della Ditta “Gualdi Alessio”, già indagata per truffa a danni dello Stato leggi qui maxifrode sui rifiuti (e non si capisce come possano continuare ad ottenere appalti pubblici) stanno operando nel cantiere del Maglietto portando via il materiale di quella “archeodiscarica” (terra contaminata da detriti di edilizia quali plastica, metalli vari, copertoni di auto e camion), stanno bonificando, direbbe qualcuno, conferendo il tutto a Novi Ligure in quanto Scarpino non disponibile. Quel che sappiamo è che Cociv ha a suo tempo informato il Comune di Campomorone della comparsa di quella discarica per evitare di essere accusati, immaginiamo. Sappiamo altresì che qualcuno (il Comune? Cociv?) ha incaricato l’Arpal di effettuare delle analisi su quel terreno e fonti comunali ci “rassicurano” sulla non tossicità e nocività di quel materiale. Ora alcune domande sorgono spontanee: – è stata rispettata la procedura che scatta quando ci si imbatte in una discarica abusiva? – quando un’amministrazione comunale viene informata che sul suo territorio è presente una discarica abusiva non dovrebbe informare l’autorità giudiziaria cosicché si possa sequestrare l’area e dare inizio a tutte le indagini del caso? o l’amministrazione contatta i carabinieri solo quando bisogna identificare i No Tav che appendono striscioni per fargli 100 Euro di multa? – come mai Cociv a Voltaggio rinuncia a costruire il campo base nel terreno della ex cartiera perché vi ha trovato una discarica del tutto simile a quella del Maglietto e in Valverde si prodiga a “bonificare”? – come ma il Comune di Campomorone ha così fretta di nascondere la polvere sotto il tappeto? Anche questa volta non ci illudiamo, nessuno risponderà e le risposte dovremmo continuare a cercarle da soli in mezzo a quell’enorme vergogna che è il Maglietto.

Tags: , , , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

CONDIVIDI!

ID App Facebook richiesta

SOSTIENI LA LOTTA!

I NOSTRI…